Il fondatore Giuseppe Cimarosa

Centro di equitazione Castelvetrano


  • Il fondatore Giuseppe Cimarosa nasce il 17 dicembre 1982

    Giuseppe Vive a Castelvetrano tutto il periodo degli studi scolastici. Dopo la maturità classica conseguita nell'istituto Giovanni Pantaleo, motivato dalla sua grande passione per l'arte e la storia delle civiltà antiche, si iscrive nella facoltà di beni colturali archeologici dell'università di Agrigento. Coltiva da sempre un grande amore per i cavalli e per l'equitazione in generale dando prova sin da piccolo di possederne grandi doti.

    Inizia le sua prima esperienze da cavaliere sotto la guida di Antonino Barresi, istruttore Fise di secondo livello, che lo porta a gareggiare nei più importanti cambi ostacolo della Sicilia. Ha la fortuna di conoscere nello stesso periodo Raffaele De Martinis, espertissimo uomo di cavalli, specializzato nella monta spagnola in particolare, da cui il giovane cavaliere viene iniziato istruito alla monta classica dell'alta scuola.

    Conduce un esperienza lavorativa presso il centro A.I.A.S di Castelvetrano nell'ambio della riabilitazione equestre e in vari progetti affini.

    Nel 2006 si trasferisce a Roma per proseguire gli studi nella facoltà di Scienze Archeologiche dell'università la Sapienza. La grande ammirazione per uno dei più importanti esponenti del teatro equestre mondiale, Bartabas, fondatore e creativo della compagnia "Zingarò", lo porta a voler estendere le proprie conoscenza e la propria preparazione in abito equestre e in particolare dello "spettacolo equestre" e contemporaneo in generale. Frequenta così stage e corsi di acrobatica, percussioni, recitazione, creazione, danza contemporanea presso la scuola "contemporanea-mente" cantiere europeo delle arti e dello spettacolo contemporaneo diretto da Maurizio Rigatti. Migliora nello stesso tempo le sue abilità equestri nell'ambito dell'alta scuola e soprattutto del volteggio cosacco con diversi maestri.

    Viene presto scelto dallo stesso Maurizio Rigatti (regista e direttore artistico) per lo spettacolo di teatro equestre "lacrime di luna" nel ruolo del protagonista al fianco della cantautrice Itaca, spettacolo presentato in anteprima nazionale al Granicolo di Roma, e portato in tournè nell'estate 2007 in molte piazze italiane. Nello stesso anno il fondatore Giuseppe Cimarosa inizia la sua collaborazione con il Team Ariano lavorando in molte produzioni televisive tra cui ”Il sangue e la rosa" e "Pinocchio" come stunt-man . Viene presto scelto dallo stesso Maurizio Rigatti (regista e direttore artistico) per lo spettacolo di teatro equestre "lacrime di luna" nel ruolo del protagonista al fianco della cantautrice Itaca, spettacolo presentato in anteprima nazionale al Granicolo di Roma, e portato in tournè nell'estate 2007 in molte piazze italiane. Nello stesso anno inizia la sua collaborazione con il Team Ariano lavorando in molte produzioni televisive tra cui ”Il sangue e la rosa" e "Pinocchio" come stunt-man . Viene scritturato per la nuova produzione di "contemporanea-mente"dal titolo "piccola tribù tzigana" nel ruolo del protagonista.

    Collabora con la cantautrice Eleonora Velka Giudizi, nella realizzazione del video tratto dal singolo "Gitana".

    Collabora come performer per il cantiere europeo dello spettacolo contemporaneo, in occasione di manifestazioni ed eventi.

    Partecipa come artista a vari galà delle fiere equestri italiane, nell'edizione di Città di Castello 2008, Fiera cavalli Verona 2008. Sempre nel 2008 segue un corso di volteggio acrobatico sotto la guida di Etienne Regnier, uno dei più importanti componenti della compagnia Zingarò.

    Nel 2009 lavora come istruttore presso il centro di attività integrate "l'Auriga", per un periodo che va dal settembre 2009 a gennaio 2011. Nel luglio 2009 va in scena con il suo primo spettacolo di teatro equestre "il Sogno del Centauro-l'incontro dei due mondi", di cui è il creativo ed il regista oltre che protagonista. L'opera riscuote notevole successo tanto da essere riproposto in una nuova forma nel luglio del 2010 con il nome "Equus - il sogno del centauro", proposto in diversi festival ed eventi italiani negli anni successivi diventando l’opera più rappresentativa dell’artista. Partecipa come attore protagonista allo spettacolo "Amedeo Guillet" in scena in Piazza del Popolo a Roma, durante il carnevale romano 2011. Nel 2012 ritorna a vivere in Sicilia dove apre la scuola di equitazione Equus creando un vero a proprio vivaio di giovani artisti e cavalieri che saranno le risorse umane della compagnia del Teatro Equestre Cimarosa ; in questo periodo nasce un nuovo spettacolo “ Controluce ”, e sempre nello stesso anno Giuseppe partecipa a Telenti&Cavalli , il primo talent nazionale dedicato agli artisti emergenti dello spettacolo equestre.

    Dopo una lunga selezione viene eletto vincitore alle finalissima svoltasi a Fieracavalli Verona emozionando il pubblico con una performance dal titolo “Arma e cori”. A questa vittoria seguono un numero infinito di successi, iniziando con la sua partecipazione al Galà d’Oro di Fieracavalli Verona 2013 con una performance chiamata “Swan spettacolo “Controluce ”, e sempre nello stesso anno Giuseppe partecipa a Telenti&Cavalli, il primo talent nazionale dedicato agli artisti emergenti dello spettacolo equestre. Dopo una lunga selezione viene eletto vincitore alle finalissima svoltasi a Fieracavalli Verona emozionando il pubblico con una performance dal titolo “Arma e cori”.

    A questa vittoria seguono un numero infinito di successi, iniziando con la sua partecipazione al Galà d’Oro di Fieracavalli Verona 2013 con una performance chiamata “Swan Horse” affiancato dall’ etoille Elisa Cipriani e successivamente viene invitato nel più importanti eventi equestri del panorama italiano come “Il Carnevale Romano” presso piazza del popolo, Il galà di Portorosa cavalli, il Galà di Prizzi , il Galà di

    Calatafimi-Segesta, il Galà di Caltanissetta e molti altri. Del 2013 è la nuova creazione dal titolo “Mosko”, uno spettacolo surreale ed introspettivo, messo in scena svariate volte, che sbalordisce il pubblico con le sue immagini fascinose e visionarie. Sempre del 2013 è un’altra creazione dal titolo “Visioni - sotto il cielo di Mokarta”.

    Nel 2014 Giuseppe Cimarosa viene chiamato a dirigere il galà di Portorosa Cavalli in veste di regista, mettendo in scena un opera molto ambiziosa dal titolo “Trinakria” portando il teatro equestre puro in contesti poco abituati a questo genere. L’idea viene molto apprezzata da Antonio Giarola (regista di circo, grande uomo di spettacolo nonché direttore artistico del Galà d’Oro di Fieracavalli) tanto da sceglierlo ancora una volta inserendolo tra gli artisti del Galà D’oro Fiecavalli 2014 con una performance che è un estratto dello spettacolo “Trinakria”. Sempre in questo anno Giuseppe conduce la regia del Galà di Prizzi, partecipa come artista al Galà di Segesta. Il villaggio Iberico di Fieracavalli 2015 ha fatto da cornice alla consegna del premio “ Cesare Fiaschi” a Giuseppe Cimarosa, un prestigioso riconoscimento che viene dato ogni anno ad un cavaliere che si è distinto per meriti sportivi o artistici. Altro importante riconoscimento è stato consegnato a Giuseppe nel 2016, il premio Cavallo di Lava, una vera e propria Notte degli oscar dove numerose erano gli ospiti d’eccezione. Sempre nel 2015 crea lo spettacolo “la festa del vino” messo in scena ad Alcamo in occasione della vendemmia. In questo stesso anno torna ad esibirsi con lo spettacolo ”Il Sogno del Centauro” rivoluzionandolo nella sua struttura e dandogli una nuova veste, più’ matura , che va in scena con grande successo in numerose piazze della Sicilia.

    Nel 2016 Giuseppe Cimarosa crea una nuova opera dal nome “d’Amore e di Nebbia”, opera complessa e fortemente autobiografica. Nello stesso anno conduce la regia dello spettacolo “Sikelia” ed “Il scena” ad Alcamo in occasione della vendemmia.

    In questo stesso anno torna ad esibirsi con lo spettacolo ”Il Sogno del Centauro” rivoluzionandolo nella sua struttura e dandogli una nuova veste, più’ matura , che va in scena con grande successo in numerose piazze della Sicilia. Nel 2016 Giuseppe crea una nuova opera dal nome “d’Amore e di Nebbia “, opera complessa e fortemente autobiografica. Nello stesso anno conduce la regia dello spettacolo “Sikelia” ed “Il Sogno di Elena “, partecipa al galà ”Talenti di Sicilia “ a Prizzi con una performance dal titolo “ Kentauros “ , riproposta anche al galà di Avola ed alla kermesse di Calatafimi . Con “ Kentauros “ viene invitato come special guest alla finale nazionale di Talenti&Cavalli a Fieracavalli Verona dove si esibisce anche con la sua compagnia di giovani artisti con “il Sogno di Elena “ emozionando l’arena gremita .

    Nel 2017 viene scelto dal regista Francesco Dinolfo ed entra nel cast della prima web-serie prodotta dalla regione Sicilia dal titolo “Indictus”.